Assign modules on offcanvas module position to make them visible in the sidebar.

Effetti speciali con il timer Ordning Ikea

Time-lapse? Chi è costui? Il timer Ordning sembrerebbe saperlo...a sua insaputa..

Appena ho visto questa modifica del timer ikea Ordning sono rimasto piacevomente stupito e proprio per questo ho voluto chiedere dei chiarimenti ad un vero esperto del settore, il giovane e promettente Thomas Graziani, filmmaker, video editor e direttore della fotografia, punto di riferimento per tutti gli appassionati e i professionisti del settore che ci spiega in cosa consiste questa tecnica fotografica dagli effetti davvero sbalorditivi.

Il tutto utilizzando un semplice timer da cucina.

Idea di Getawaymoments, Florida

Materiali e descrizione:

  • ORDNING timer da cucina
  • Un attacco di plastica adatto per la vostra macchina fotografica che permetta di agganciarla
  • Una vite 1/4" - 20 Unc per poter fissare il vostro cavalletto
  • Un trapano e della colla o mastice molto resistenti

 

 

La realizzazione è tutto sommato semplice. Si tratta di fissare sulla parte superiore un attacco in cui andrà ad alloggiare la fotocamera.

Praticare quindi un foro nella parte posteriore e inserire un dado circolare filettato al quale fissare il cavalletto della vostra fotocamera.

Più interessante è invece capire in cosa consiste questa tecnica fotografica. A spiegarcelo è Thomas Graziani, un vero professionata del settore, titolare del famoso sito www.thomasgraziani.com che gentilmente ci ha concesso dei preziosi chiarimenti.

In cosa consiste la tecnica del time-lapse?

Il time-lapse è una tecnica video-fotografica che permette di sintetizzare, accelerando enormemente la realtà, interi periodi di tempo in pochi minuti.

Potresti fare un esempio per i non addetti ai lavori?

Un filmato (alle nostre latitudini) lavora a 25 fotogrammi al secondo. Ogni fotogramma è una fotografia. Se scatto una foto ogni tot minuti o giorni - sempre nello stesso posto, sempre di fronte allo stesso soggetto - posso creare un filmato dove la realtà letteralmente mostra l'evoluzione nel tempo delle cose e dei luoghi.

Un esempio ancora più concreto?

Traduco in pratica. Siamo di fronte ad un tramonto. Scatto una foto ogni 10 secondi (attraverso un apparecchio chiamato intervallometro). Il tramonto dura un'ora, quindi scatto 360 foto. A questo punto prendo le foto e con queste creo un filmato (che lavora a 25 fotogrammi al secondo). 360/25=14,4. In pratica, in 14 secondi e rotti rivedo l'intero tramonto durato un'ora.

Quali sono le peculiarità di questa tecnica?

Questa tecnica è molto evocativa, perché in pochissimi secondi vediamo cose che impiegano ore, a volte giorni o mesi, a compiersi. La fioritura di un fiore raro. La nascita e la crescita di un cucciolo. Il transito di una costellazione nel cielo. Addirittura sono usciti - e stanno uscendo - interi lungometraggi basati su questa tecnica (www.timescapes.org).

Cosa ne pensi di questa modifica fatta con un semplice timer Ikea?

Il timer Ikea è stato usato in modo molto ingegnoso insieme ad una celebre micro-camera chiamata GoPro Hero (gopro.com).

Montando la telecamera sul timer è possibile realizzare un timelapse in movimento. Nello specifico, un movimento a 360 gradi.

Il timer, ruotando lentamente e ad una velocità costante, è il supporto ideale per il timelapse. Mentre il timer ruota, la micro-camera scatta le foto.
In questo modo è possibile ottenere un timelapse "rotante" che non solo accelera la realtà, ma pure osserva tutto intorno realizzando un'intera rotazione sul proprio asse.

Il fenomeno - capirete - è molto interessante.

Ikea, in questo senso, è stata un'inconsapevole fornitrice di materiale fotografico.

E devo dire - guardando i test realizzati - che il progetto non è nemmeno male. Certo, non è adatto a contesti professionali (dove la rotazione del supporto deve essere controllabile da un apparecchio specifico) ma lo stesso fornisce un divertente modo per esplorare tanto le tecniche fotografiche quanto la natura (spesso, ahimè, dimenticata) che abbiamo attorno.

Ringraziando Thomas Graziani per la disponibilità vi mostro qui sotto un effetto realizzato con questa tecnica.

 

{plusone}

Comments